Per l’epilazione definitiva, meglio il laser diodo o la luce pulsata?

Spesso in materia di epilazione definitiva o permanente si tende a fare un bel pò di confusione e si tende a pensare che l’epilazione con laser a diodo e l’epilazione con luce pulsata siano la stessa cosa. Molte persone sono indotte a pensare questo, perché entrambe si basano su un meccanismo d’azione analogo, fondato su un impulso luminoso che penetrando nella pelle va a distruggere e a bruciare il bulbo pilifero, distruggendolo in maniera definiticìva. Inoltre, entrambe portano, dopo un certo numero di sedute, che possono andare da un minimo di 4 ad un massimo di 8, all’eliminazione definitiva dei peli superflui attivi, ossia quelli presenti al momento del trattamento. E’ necessario fare questa precisazione, in quanto possibili sbalzi ormonali, dovuti a malattie o gravidanze potrebbero portare, dopo il trattamento, alla nascita di nuovi follicoli piliferi. In realtà, l’epilazione con laser a diodo e quella con luce pulsata, pur fondati su meccanismi analoghi, non sono la stessa cosa, ma si differenziano l’una dall’altra per una serie di caratteristiche precise.

Epilazione definitiva con luce pulsata

L’epilazione definitiva con luce pulsata, è ideale per zone del corpo particolarmente sensibili, come: viso, naso, mento, seno e baffetti. Il meccanismo di basa su un fascio di luce pulsata ad alta intensità, andando a bombardare il bulbo pilifero con estrema precisione. Ogni seduta varia dai 5 ai 30 minuti e va ripetuta ad intervalli di 30-45 giorni. Questa forma di epilazione, pur essendo molto efficace, incontra alcuni limiti, che portano molte persone a non potervi ricorrere:

  • persone molto scure o con pelli abbronzate, per cui il trattamento deve essere necessariamente interrotto in estate
  • donne in gravidanza
  • persone che assumono farmaci che foto-sensibilizzano la pelle, come pillole anticoncezionali o antibiotici

Epilazione definitiva con laser a diodo

L’epilazione definitiva con laser a diodo, è ideale per tutte le parti del corpo, anche molto estese, come: gambe, braccia, schiena, barba e inguine. Il meccanismo del laser a diodo segue il principio della foto termolisi selettiva, per cui l’energia sprigionata dal laser viene assorbita dalla melanina e trasformata in calore che va ad agire direttamente sul bulbo pilifero, bruciandolo. Grazie al principio della foto-termolisi selettiva, il laser a diodo può essere utilizzato su tutti i tipi di pelle, anche quelle scure o abbronzate. Per risolvere il problema dei peli superflui, sono sufficienti dalle 6 alle 8 sedute, che hanno una durata che varia dai 10 ai 30 minuti. Ogni seduta va ripetuta ad intervalli di tempo non inferiori ai 45-60 giorni e una volta raggiunto il risultato desiderato è comunque necessario, ai fini del mantenimento, sottoporsi ad almeno una seduta all’anno. Si tratta di un trattamento totalmente indolore, che agendo direttamente sul bulbo, non provoca effetti dannosi o collaterali per la pelle. Il suo utilizzo non incontra particolari limiti, tanto che persino donne in gravidanza possono ricorrere a questo tipo di epilazione perché il laser non danneggia il feto.

Meglio il laser a diodo o la luce pulsata?

Entrambe si basano sulla foto-termolisi selettiva, con l’unica differenza che il laser genera onde luminose di una sola lunghezza, mentre la luce pulsata genera onde di diversa lunghezza.

Molti si chiederanno, quali tra le due tecniche di epilazione è la migliore e perché. Partendo dal presupposto che entrambe sono delle ottime tecniche per risolvere definitivamente il problema dei peli superflui, non si può negare che tra le due, la migliore è sicuramente l’epilazione con laser a diodo, per una serie di motivi:

  • Il laser, a differenza della luce pulsata, agisce su tutti i fototipi di pelle (anche quelle scure) e su pelli abbronzate
  • Il trattamento con laser a diodo non deve essere interrotto durante il periodo estivo, a differenza della luce pulsata che va necessariamente sospesa durante l’estate per evitare il formarsi di macchie sulla pelle
  • Il laser funziona su tutte le parti del corpo, compreso il viso, la luce pulsata invece è ideale per parti del corpo non molte estese e particolarmente sensibili, come il viso o il seno
  • Il laser emette un’energia uniforme e omogenea consentendo di eliminare nella stessa sessione molti più peli attivi rispetto alla luce pulsata.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*