Come scommettere con i metodi matematici

scommettere, scommesse online, giochi online

Quante volte abbiamo sognato di poter conoscere in anticipo l’esito di un evento sportivo, in modo tale da ottenere una grossa vincita con le scommesse? Ovviamente questa cosa non è possibile, e sarebbe comunque un’eventualità non esaltante dal punto di vista etico. Tuttavia, esistono delle modalità basate sui calcoli matematici che possono aiutare lo scommettitore a “capire” come finirà un determinato incontro a prescindere se si tratti di calcio o di altri sport.

Scommesse sportive, i metodi matematici per vincere

Fin da quando gli italiani erano “innamorati” delle schedine del Totocalcio, i giocatori più incalliti si cimentavano in quelli che venivano comunemente detti “sistemi”. Questa tecnica, sulla quale possiamo trovare molte informazioni sul sito https://www.bookmakers-online.eu/, è molto in voga anche oggi con le scommesse sportive, ma dato che necessita di calcoli matematici molto accurati viene praticata da poche persone. La maggior parte dei giocatori preferisce ancora affidarsi al proprio istinto, e in molti casi i “sistemi” vengono ritenuti una banale perdita di tempo.

Ma è davvero così? Non esattamente, perché nel gioco d’azzardo, e quindi anche nelle scommesse sportive, utilizzare i sistemi nella maniera adeguata può comportare dei vantaggi in termini economici, sia a breve che a lungo termine. I metodi matematici sono praticamente delle strategie che si basano su calcoli probabilistici, che aiutano a pianificare le puntate evitando così un dispendio eccessivo di denaro e favorendo di tanto in tanto qualche vincita piuttosto cospicua.

Uno dei sistemi più utilizzati per scommettere sulle partite di calcio è il cosiddetto “PONG”, ovvero la giocata di una o più fisse con quota totale che deve essere minimo di 2,00 aggiungendo un’altra partita nella modalità “PONG”, ovvero PARI, OVER e NO GOAL. Con questa tecnica vengono coperti tutti i possibili risultati, e ci sono grosse probabilità di prendere due schedine, aumentando la vincita. Tuttavia, anche nel caso in cui risulti vincente una sola giocata, sarà comunque pari o leggermente superiore all’importo complessivo puntato.

Il sistema Paroli e il sistema X: ecco come fare

Un altro possibile metodo matematico che viene frequentemente utilizzato dagli scommettitori è quello che viene comunemente definito “sistema di Paroli”. Per applicare questo metodo bisogna scegliere sei gare con quota molto bassa (tra 1,05 e 1,15, quindi dall’esito quasi scontato), in quanto le vincite devono essere necessariamente più di una.

Se si prende la prima schedina si registra un determinato utile e la giocata successiva vedrà come puntata la somma precedente più la piccola vincita appena ottenuta: in caso di perdita, si ricomincia dall’inizio con la somma di partenza. In sostanza si tratta di un metodo a progressione positiva, pensato per reinvestire le vincite generate dalle scommesse.

Ci sono anche dei metodi matematici più diretti, come ad esempio il sistema X, che consiste nell’individuare la partita con più alta possibilità di pareggio. Ma quali sono i requisiti che fanno sì che una gara abbia più possibilità di finire X rispetto ad un’altra?

Bisogna tenere conto di alcuni fattori: in primis la distanza in classifica tra le due squadre, che deve essere piuttosto ridotta; inoltre, il giocatore deve controllare se lo stato di forma delle contendenti non supera i 15 punti percentuali.

Infine, ed è forse il dettaglio più importante, il segno 1 e il segno 2 della sfida devono avere come quota almeno 2,50 (possibilmente anche superiore). Una variabile di questo sistema consiste nello scegliere 10 gare con la quota del pareggio mai inferiore a 3,00 e puntare 2 euro per ogni gara. Se si indovinano almeno 4 pareggi su 10 si ottiene già un ricavo effettivo, che può ovviamente aumentare nel caso vengano centrate più X.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*